Ursula von der Leyen agli Stati Ue: "Produrre più armi, la pace non è permanente" (QF) - Hamas: "Respingeremo ogni piano per Gaza che non ci includa" (SkyTG24) - Meloni: "Pericoloso togliere sostegno istituzioni alla polizia" (Adnkronos) - Putin all'Occidente: "Anche le nostre armi possono raggiungervi" (SkyNews24) - "Fit for duty". Per il medico della Casa Bianca, Biden ha il fisico per fare ancora il presidente (Huffington Post) - Arrivano i virus che "si travestono" da influenza, a rischio 15 milioni di persone (Repubblica) - Zelensky: "Siglato l'accordo di sicurezza con Meloni" (Ansa) - Wikileaks, Julian Assange fa causa alla Cia: spiato e intercettato dall’intelligence americana (il Messaggero) - Anonymous invia sms ai russi: "È ora di rovesciare Putin" (Ansa) - Orsini: “Sciocchezza enorme dire che Putin vuole invadere la Polonia" (il Fatto Quotidiano) - Il Pentagono: “Uccisi con drone due membri dell’Isis-K” (CNN) - Russia, arrestato per "spionaggio" un corrispondente del Wall Street Journal (Repubblica) - Report, Gabanelli: “Puntata sbagliata? Quella sull’11 settembre” (il Fatto Quotidiano) - Il Papa ricorda: "Con il diavolo non c'è dialogo possibile" (L'Avvenire) - Usa, abbattuto un altro ‘Ufo’: “Era ottagonale” (il Fatto Quotidiano) - Barbero: "Hitler non voleva scatenare una guerra mondiale" (Rai)
Category archives for: Recensioni / Interviste

Alternitalia (Radio Città Aperta) // 24 maggio 2014

Su Alternitalia di Radio Città Aperta, Gianluca Polverari descrive il disco dei Konspirators ‘Regressive Rock’ e introduce il live di presentazione del 24 maggio al Contestaccio. Il brano trasmesso dall’album è Febbre Gialla.

Ascolta il Podcast:

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Tempi Dispari // 13 dicembre 2013

“Tutto questo è punk rock. Un genere che nell’underground romano come in Italia non è proprio morto, non ha un gran riscontro, semmai. Era molto tempo che non si sentivano dal vivo canzoni ispirate ai Dead Kennedys. O comunque un gruppo che allo stesso tempo si ispiri a generi diversi tra loro ma che li sappia gestire in musica. Senza Governo e Punkabbestia o Anarchy in Texas sono tre canzoni che rappresentano l’essenza ‘minimalista’ del punk. In God We Trust, Inc.”
(Ilaria Degl’Innocenti – Tempi Dispari)

vai all’articolo completo:
Anarchy in Texas di un sabato punk ‘abbestia’

Martemagazine – La pelle, l’analisi, la balenottera // 8 marzo 2012

The Konspirators, come dice Luca Giurato, noto nemico… giurato del sistema, che li ha incontrati, se non si lasceranno invischiare in compromessi, potranno avere un sicuro successo, perché quando il popolo si sveglierà, preferirà di gran lunga l’abrasività di un “Punkabbestia” breve e secco eseguito al Contestaccio davanti ad un pubblico complice, piuttosto che il teatrino di maschere grottesche dedite ad assistere ai festini pseudo-africani, o a parteciparvi incuranti delle loro panze. Di conseguenza già adesso la vendita dei dischi dovrebbe procedere spedita in certi ambienti in cui gli indignados usano riunirsi in clandestinità per scambiarsi messaggi improntati alla verità e non forgiati con intenti propagandistici. “Parlano, tramano, scel-gono, decidono… dietro le spalle” canta il vocalist in “Dietro le spalle”, appunto, ma in realtà oggi l’arroganza del potere è tale da compiere i suoi misfatti alla luce del giorno, forte della sua impunità, mentre è di pochi il coraggio di contestare a viso aperto e chitarra sguazzante in formicolio funky come i Konspirators, che citano il film “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto” per ricordarci, con le parole di Enrico Maria Salerno, che la repressione è un capitolo importante dell’attività del Sistema. E la musica non può che essere tesa, contratta, ridotta alle funzioni di mera sopravvivenza ribellistica, batteria e chitarra nevrotizzanti ed antiestetiche, volte ad incentivare le reazioni nervose, a mantenere tutti in uno stato di vigilanza armata di senso critico, anche se ci sono esempi che dimostrano come lo stato adrenalinico possa indurre una con-dizione di benessere in chi ricerca i valori della schiettezza brutale: “Stare bene (yes we can)” è un ribollire frenetico di pensieri positivi, pompati su da una chitarra ritmica che compie un continuo saliscendi tonale, il volto terapeutico del punk come sfogo adolescenziale. “Niente problemi, niente paure, niente sospetti, né congetture!.. Ce la posso fare!”, ma anche l’ombra del dubbio: “Stare bene è importante, rassicurare; stare bene è meglio che niente…” e una qualche armonia chitarristica si insinua nel variegato mantra da epilettico. Questo è quello che più verosimilmente possiamo fare, non la rivolta sociale; potremmo accontentarci di prendere cura di noi stessi, se il governo non ci ammorba. “Maturità” ha un ritmo ed un riff da vecchio blues inquinato dall’attitudine sbomballata del sottoproletariato urbano anni ‘70; l’assolo però ci aiuta ad “affrontare i problemi, tirare somme e conclusioni, imparare dagli errori, superare le divisioni: maturità… maturitàà-ààààà!” e le distorsioni impazzite e incrostate in chiusura fanno crollare il castello di carte così faticosamente costruito con le raccomandazioni di prof e genitori: si vede che non era farina del nostro sacco! “Analisi” si getta all’arrembaggio delle proprie debolezze per poterle sputtanare: “Mi scopro più buono, mi scopro più bello, mi scopro più giusto…: vado in analisiii!”, e anche qui l’assolo storto di chitarra gioca sulla dissipazione delle proprie risorse farmacologiche, e avvitandosi in spire acidognole finisce col consumare, tra le altre pasticche, anche le pillole anticon-cezionali della propria ragazza! “Anarchy in Texas – live” si gioca il proprio carattere trascinante sulla selvaggia euforia di chi prima di suonare si ubriaca, oltre che di birra di infima qualità, anche di fantasie sull’instaurazione di una forma di governo da “casino nel pub” nel cuore degli States repubblicani, là dove i petrolieri più rammolliti si sentono come J.R. del giurassico telefilm “Dallas”, figuriamoci gli altri: kospirano contro Obama! Ma magari sono io ad essere disfattista. Riporta invece alle ancora recenti problematiche di casa nosta quel “Mi dimetto (live)” che brontola inizialmente e mastica amato con i suoi giri di basso, per poi lasciarsi andare al lamento più spontaneo, e non quello suggeritogli dai suoi consiglieri: “Mi dimetto… Non mi diverto più…”; in effetti il bene del Paese è un pensiero residuale, perché non coincide col suo, affermano sempre i disfattisti come i Konspirators, che allargano l’intenzione anche a chi banalmente esce di casa e sfoglia il giornale cercando annunci di lavoto: “Mi dimetto… Non ci sto più!”; le chitarre sgasano polveri sottili in vortici trascinanti, e la semplicità dell’impianto e del suo accattivante riff, pur vivificata dagli assoli conclusivi, afferma la provocatorietà tagliata con l’accetta di questa proposta di “regressive rock” militante, ma anche scazzata, perché anche a noi piace autosmentirci sfac-ciatamente a fronte delle contestazioni: “Mi dimetto, non mi dimetto… Non l’ho mai detto!”
Marco Settembre >> www.martemagazine.it/archivio-storico

Search Archive

Search by Date
Search by Category
Search with Google

Photo Gallery

Log in | Designed by Gabfire themes