Spazio, prima immagine di un buco nero. "Einstein aveva ragione" (Ansa) - Con l'arresto di Assange, WikiLeaks riceve fiumi di donazioni in bitcoin (La Stampa) - Incendio Notre-Dame, l'impresa ammette: "Gli operai fumavano sull'impalcatura" (Repubblica) - Carole Cadwallard: “Facebook mette a rischio le democrazie” (Agi) - Brexit, la svolta di May: "Rinvio dell'uscita per evitare il No Deal" (BBC) - Conte scaricato dalla Lega: tappetino di Di Maio (Ansa) - Le Pen: "I rapporti con Salvini? Molto buoni" (Affari Italiani) - Il Papa: "L'aborto è come affittare un sicario per risolvere un problema" (il Messaggero) - Putin: "C’è il rischio di una guerra nucleare e della fine della civiltà" (Corriere Della Sera) - Isis, pizzaiolo marocchino condannato a 6 anni per proselitismo sul web (Ansa) - “Click to Pray”, una app per pregare per la Chiesa e con il Papa (La Stampa) - Tre militanti dell'Isis uccisi dai cinghiali in Iraq (AGI) - Isis, il call-center del terrore. In chat con il Califfo, le nuove reclute hi-tech (Ansa) - Nigeria, bambina kamikaze di 10 anni salta in aria e uccide 19 persone (TGcom) - Isis, alla festa di addio del kamikaze la cintura esplode per errore: 12 morti (il Messaggero) - Il Papa: "I social network possono manipolare le persone" (Repubblica) - Iraq, Isis fa esplodere un bebè durante un'esercitazione sugli esplosivi (Rai News) - Libano, sventato attentato su aereo con barbie-bomba (Reuters)

Public Enemy live a Roma: rap suonato e leggenda


“Voglio dedicare questo show a una delle più grandi leggende del pugilato mondiale: Mohammed Alì”. Così Flavor Flav apre il live dei Public Enemy allo Spazio 900 di Roma, location scelta in sostituzione delle terrazze del Palazzo dei Congressi dell’EUR a causa delle incerte condizioni atmosferiche. I Public Enemy decidono di esibirsi dal vivo con una vera e propria band, composta da chitarrista, bassista, batterista e dj, infiammando il pubblico con un live memorabile. Tanti i brani che hanno fatto la storia del rap e della musica in generale come Bring The Noise, Don’t Believe The Hype, He Got Game, Black Steel In The Hour of Chaos e la leggendaria Fight The Power, catturata dalla nostra KTV nonostante il pogo che si è scatenato durante il brano (una rarità ai concerti rap / hip hop..). Una band trasversale da sempre, che attira ai suoi concerti appassionati di tanti generi musicali e che ha anche colto l’occasione per omaggiare con un breve dj-set un brano cult dei Nirvana: Smells Like Teen Spirit. Come da tradizione il concerto dei Public Enemy è anche il luogo ideale per mandare messaggi politici, non solo nei brani, ma anche a voce. E Chuck D e Flavor Flav (quest’ultimo con folta capigliatura rasta) non perdono l’occasione per lanciare strali contro Hillary Clinton, Donald Trump e la politica odierna americana in generale. A fine concerto Flavor Flav dirà: “Ci sono due cose che proprio non sopporto: il razzismo e il separatismo. Dobbiamo rimanere uniti”. Un concerto grandioso e coinvolgente, suonato e sudato, che dimostra che il rap storico non muore mai e anzi andrebbe ascoltato di più dalle nuove generazioni. Una lezione in musica da parte dei più grandi. FIGHT THE POWER!!!

Leave a Reply

Search Archive

Search by Date
Search by Category
Search with Google

Photo Gallery

Log in | Designed by Gabfire themes